perSbaglio cambia pelle di nuovo

E lascia i tenui toni azzurri e blu per un arancio – oro in preparazione dell’estate.

Altro piccolo esperimento in corso: l’uso di picLens per visualizzare qualche slideshow.
Eccone uno fatto per onorare i nuovi colori! Da provare la modalità a tutto schermo.

Per chi ha un’indole un po’ piu’ tecnica WordPress ora è in versione 2.3 (peccato che nel pacchetto Debian attuale ci sia qualche localizzazione in francese di troppo…)

Snul 0.0.2 aka “il fluido che uccide” released!

Insomma, mi è toccato… una nuova fiammante ed entusiasmante versione di snul.

I cambiamenti sono pochi, ma derivati da un minimo utilizzo sul campo con Tuntun. Da questa sera ho finalmente un sostituto funzionante e minimamente testato delle 4 chiamate di gnet che utilizzavo!

Dal canto suo anche Tuntun inizia a prender forma, manca ancora tutta la parte di interfaccia, ma ad oggi riesce a:

  1. installarsi come applet nel panel senza crashare mezzo mondo (fino a poche ore fa bloccava tutto il pannello di gnome)
  2. leggere il file config con le connessioni definite (stesso formato di ovpnClient)
  3. presentare un menu’ popup con i collegamenti
  4. determinare lo stato attuale della connessione
  5. aprirla
  6. e chiuderla

NAS

L’intenzione è quella di cambiare prima o poi il mio amato desktop con un portatile, quindi ho iniziato cercando un NAS dove poter memorizzare in tutta sicurezza (RAID 0) i miei dati.

La ricerca in internet è stata alquanto infruttuosa: prezzi esagerati, bassa capacità (max. 2 dischi), poca versatilità e in alcuni casi, chipset raid sconosciuti anche agli stessi progettisti.

Non mi rimaneva quindi che spendere molto per ottenere qualche cosa di marca, magari basato su linux (questo non perché sono un fissato, ma solo perché ho 2 raid software fatti con linux che non perdono un colpo da 3 o 4 anni ormai), oppure dedicarmi al fai da te.

Ho deciso per quest’ultima opzione, prefiggendomi queste caratteristiche di base:

  • linux compatibile
  • silenziosità
  • si deve accendere e spegnere con un bottone (niente procedure di shutdown o altro)

Quindi mi sono messo alla ricerca di una scheda madre e di un case che contenessero il numero minimo di ventole, trovando la soluzione nelle schede mini-itx della via e in un case preso proprio al risparmio e spendendo per il tutto 300€ netti.

Un paio d’ore di svita, avvita, monta, smonta e rimonta….

Inizio lavori
Inizio…
accensione! (Pezza non sembra proprio convinta)
Fine
Inizia l’installazione che finirà pochi minuti dopo senza il minimo problema
Ho centrato l’obiettivo? Solo in parte

Linux compatibile? Niente di più compatibile della scheda VIA scelta una EPIA ME6000G.

Silenziosità? Non ci siamo ancora.

  1. Ventole del case troppo rumorose (le ho staccate sperando che non servano, staremo a vedere)
  2. I dischi IDE fanno un rumore del diavolo! E qui non c’è soluzione senza ulteriore spesa e non c’è NAS che regga.

Accensione e spegnimento con un bottone? Nessun problema, basta installare acpi-support.

In definitiva la sorpresa, non proprio gradita, è il rumore dei dischi che da una prima analisi è possibile ridurre solo insonorizzando il case, montandoli su staffe anti vibrazione e cose del genere, oppure cambiandoli con modelli nuovi magari più silenziosi.

Tutto sommato sono contento di averci provato e soprattutto di aver scoperto queste schedine della VIA, vero gioiellino di tutto il sistema e dal prezzo veramente invitante (149€ per la piccola ME6000G).

Snul

Beh… alla fine non ne potevo più di gnet, scrivere i bindings per vala è veramente, come dire, poco gratificante ed e’ una libreria praticamente non mantenuta da anni.

Avendo bisogno di implementare un client Tcp dalle funzionalita’ veramente minime per Tuntun, mi son messo giù e l’ho fatto direttamente in vala interfacciandomi solo con le funzioni del s.o (BSD sockets).

Il risultato non è il massimo, ma alla fine raggiunge lo scopo e funziona, quindi ho pensato che potrebbe essere utile anche a qualche altra anima informatica se non altro come esempio di come (non!) programmare in vala.

Ecco quindi Snul una semplice libreria da utilizzare con il copia & incolla. (Sì lo so la paginetta è scritta in inglese, che dici? Ah è maccheronico? Beh sono apprezzati aiuti e commenti al riguardo…)

P.s.

Perchè snul? Oltre al simple network utility library penso che si addica ancor meglio questa definizione… rimanendo comunque in attesa di una persona dai modi migliori: GIO.

Nuovo server per perSbaglio

Un mostro di potenza:

persbaglio:~# cat /proc/cpuinfo
processor : 0
vendor_id : GenuineIntel
cpu family : 6
model : 8
model name : Pentium III (Coppermine)
stepping : 6
cpu MHz : 798.313
cache size : 256 KB
fdiv_bug : no
hlt_bug : no
f00f_bug : no
coma_bug : no
fpu : yes
fpu_exception : yes
cpuid level : 2
wp : yes
flags : fpu vme de pse tsc msr pae mce cx8 sep mtrr pge mca cmov pat pse36 mmx fxsr sse
bogomips : 1597.15

ma con qualche piccolo problema di affidabilità della memoria (non si può pretendere troppo da uno scambio con un router dlink no?)