RhythmBox… non riesco più a farne a meno!

Non c’è niente da fare, anche se la situazione del multimedia sotto linux è leggermente inferiore rispetto alla concorrenza, sia essa Microsoft o Apple, per quello che mi riguarda Rhythmbox è diventato indispensabile ed al lavoro (quindi con Windows) ne sento proprio la mancanza.

Come ha fatto nonostante il supporto per i file audio non sia allo stesso livello di Media Player? Il motivo è semplice, ho la mia libreria di file mp3, i podcast, le internet radio, Magnatune e Jamendo dai quali posso ascoltare e nel caso di Jamendo anche “downloadare” quintali di nuovi brani ed ora anche last.fm con le sue radio ed i suoi tag tutti integrati nel player.

Vorrei proprio la stessa cosa anche in WMP.

Dopo firefox, ardour… ecco un altro programma che ha passato il segno, da sostituto decente di WMP per ascoltare musica a programma fondamentale per il mio modo di ascoltare e anche di cercare nuova musica.

RhythmBox

Ardour parte 2

Settimana pesantuccia, ma finalmente sono riuscito a trovare un po’ di tempo per rigiochicchiare con Ardour e questa volta come si deve!

Il risultato è questo brano al solito suonato maluccio, ma nato da un giro che non pensavo mi portasse mai a niente, quindi diciamo inaspettato.

Questo è il primo mixdown di in movimento ovviamente provvisorio dato che ho l’esigenza di risuonare alcuni punti con errori troppo grossolani, accorciare alcune parti ed aggiungerne altre, ma comunque eccolo. E per dimostrare tutta la mia imperizia uno screenshot di ardour che svela come sono stato costretto a spezzare la registrazione in varie tracce poiché non riesco a suonare le parti una dopo l’altra…

In movimento ardour session